Napoli nel cuore… e nella pancia

Napoli in poesia

Napoli raccontata da una napoletana ora polentona (perennemente a dieta)

“Papà quando sali?
Martedì!
Allora portami:
Le zeppole di San Giuseppe della Sfogliatella;
Qualche babà di Tizzano;
I taralli sugna e pepe di Leopoldo;
Un pezzo di palatone, quello alto con i buchi della salumeria di Corso Umberto;
Qualche mozzarella di bufala”.
Figlia mia ma salgo in treno, aggia fa’ e’ pacchi cu a corda ppe portarti tutte cheste cose
E papà tengo nostalgia e a’ criatura che teng in grembo aggia pure fa conoscere chesta città. Mica a’ vulimme fa nascere cu a’ stampa ro’ riso giallo e ra’ cutaletta n’front?
Non so se ha più nostalgia il cuore o lo stomaco ma una cosa è certa è una città che, se anche vedi una sola volta, ti prende il cuore, lo stomaco, la vista, l’olfatto, tutti i 5 sensi o anche 6, 7, 8 se ve ne sono.
Napoli la porti nel cuore e non la scordi mai. Trovi sempre il sole, in cielo e nella gente, e, anche se qualche giornata puó sembrare più cupa, stai tranquillo che trovi sempre qualcuno pronto a pulirti pure i fari dell’auto, pur di spazzare via ogni traccia di nebbia presente in te.
Napoli è stupore e colore, è musica, la musica dell’anima, quella delle persone che, anche se ti conoscono da poco, quando ti salutano ti baciano e ti abbracciano, ti invitano a casa loro come se fosse parenti o amici da chissà quanto tempo. Napoli è vita, è nu piezz e core.
Come disse un buon amico toscano “come ce se bacia a Napoli non ce se bacia da nessuna parte”….
E questa è pura poesia….

Follow by Email
YOUTUBE
INSTAGRAM